Associazione Nazionale Italiana Tutori e Amministratori di sostegno
Tel. 02 54108146 info@sostegnoanita.it

Vademecum per ADS – esonero volontario e comunicazioni

Continua la pubblicazione dei capitoli del Vademecum per amministratori di sostegno.
Oggi parleremo di esoneri e comunicazioni al Giudice Tutelare.

SE L’AMMINISTRATORE NECESSITA DI ESSERE AIUTATO NELL’AMMINISTRAZIONE

Quando la gestione risulta particolarmente complessa (perché occorre la collaborazione di un commercialista, un avvocato, …) l’Amministratore può essere autorizzato preventivamente dal GT a ricorrere a tali persone/professionisti. La spesa graverà sul patrimonio del beneficiario.

SE L’AMMINISTRATORE INTENDE ESSERE ESONERATO
L’Amministratore che, per gravi motivi, non è più in grado di svolgere adeguatamente il suo incarico può presentare RICHIESTA DI ESONERO al Giudice Tutelare:
• specificando in maniera chiara i motivi che lo inducono a chiedere l’esonero;
• indicando eventualmente un sostituto (dati anagrafici, telefono, indirizzo) che potrà sottoscrivere, in fondo alla richiesta, la propria dichiarazione di disponibilità.

ALTRE COMUNICAZIONI AL GIUDICE TUTELARE

Ogni evento che l’Amministratore ritenga utile relazionare al Giudice Tutelare può essere indicato in un’apposita comunicazione da depositare presso la Cancelleria Tutele.

Si consiglia di indicare con molta precisione gli eventi che si relazionano per consentire al Giudice di valutare possibili interventi.
Ad. Esempio:
• problemi di relazione con il beneficiario;
• problemi relativi alle scelte compiute dal beneficiario pericolose per la sua salute e/o il suo patrimonio;
• problemi di relazione con i servizi territoriali.

Introduzione
1° capitolo
2° capitolo
3° capitolo
4° capitolo
5° capitolo
6° capitolo
7° capitolo
8° capitolo

—–

Tutto il materiale e i contenuti forniti possono essere reperiti all’interno del portale della Città Metropolitana di Torino. Tali contenuti sono stati elaborati a seguito del prezioso confronto tra i magistrati dell’Ufficio del Giudice Tutelare di Torino (VII Sezione civile) e con la Cancelleria tutele del Tribunale di Torino.