Associazione Nazionale Italiana Tutori e Amministratori di sostegno
Tel. 02 54108146 info@sostegnoanita.it

Ottavo capitolo del Vademecum per ads: vendita di un bene ereditario

Continua la pubblicazione dei capitoli del Vademecum per amministratori di sostegno.
Oggi parleremo della vendita di un bene ereditario.

Nel caso di vendita di un bene che è stato acquistato dal beneficiario a seguito di successione ereditaria (e non è ancora stato fatto l’inventario nel caso di procedura di accettazione con beneficio di inventario), l’Amministratore deve seguire una particolare procedura disposta dal codice di procedura civile che prevede l’autorizzazione del Tribunale previo parere del Giudice Tutelare.

In questo caso la competenza del Tribunale viene individuata con riferimento al luogo dell’ultima residenza/domicilio del defunto (“luogo dell’aperta successione”), rimanendo in capo al Giudice Tutelare (che vigila sull’amministrazione) l’espressione del parere obbligatorio per legge.

Ogni volta in cui un bene ereditario dell’amministrato fuoriesca dal suo patrimonio (compravendita, permuta, costituzione di un diritto reale come l’usufrutto in capo ad altre persone,…) l’Amministratore deve depositare apposita istanza intestata al Tribunale previo parere del Giudice Tutelare, in bollo da 27 €, corredata da:

• documentazione attestante le caratteristiche del contratto e del bene da alienare (vendere, permutare, …);
• valutazione del bene fatta da un esperto che attesti il valore del medesimo (NB “perizia asseverata” se si tratta di un immobile [appartamento, terreno,…]);
• eventuale indicazione dell’acquirente;
• modalità di reimpiego del prezzo (versamento sul conto, acquisto titoli,…).

Solitamente l’istanza va depositata presso la cancelleria del Giudice Tutelare (perché possa esprimere il proprio parere). Sarà cura della cancelleria tutele inviare, dopo l’espressione del parere, il documento al Tribunale per l’autorizzazione.
La copia dell’autorizzazione in questo caso si dovrà ritirare presso la Cancelleria della volontaria giurisdizione.

Per avere maggiori informazioni, consigliamo comunque di contattare il Tribunale di riferimento per le prassi da seguire.

Introduzione
1° capitolo
2° capitolo
3° capitolo
4° capitolo
5° capitolo
6° capitolo
7° capitolo

—–

Tutto il materiale e i contenuti forniti possono essere reperiti all’interno del portale della Città Metropolitana di Torino. Tali contenuti sono stati elaborati a seguito del prezioso confronto tra i magistrati dell’Ufficio del Giudice Tutelare di Torino (VII Sezione civile) e con la Cancelleria tutele del Tribunale di Torino.