Associazione Nazionale Italiana Tutori e Amministratori di sostegno
Tel. 02 54108146 info@sostegnoanita.it

Guida alla Pubblica Tutela – ultimo capitolo: le responsabilità del tutore

Siamo arrivati alla conclusione di questa guida dettagliata alla pubblica tutela.
All’interno del nono e ultimo capito parleremo delle responsabilità ascrivibili al tutore.

Il Tutore deve amministrare i beni del tutelato con la massima attenzione e diligenza.
Qualora il Tutore, violando i propri doveri di attenzione e interesse per il beneficiario, abbia tenuto comportamenti tali da “danneggiare” il patrimonio del tutelato (ad es. sanzioni amministrative a carico del tutelato etc.) può essere chiamato da parte dei “soggetti interessati” (ad es. gli eredi, nel caso in cui il tutelato sia mancato; il nuovo Tutore, nel caso in cui il primo abbia terminato il suo incarico;…) a rispondere dei danni provocati.

Il Giudice Tutelare, qualora il Tutore abbia tenuto comportamenti gravemente scorretti nella gestione della tutela, può rimuoverlo. Il GT deve sentire il Tutore personalmente prima di decidere.
Gli eventuali comportamenti che configurano dei reati comportano una responsabilità penale e sono disciplinati dalla relativa normativa.


Per info e approfondimenti
trovate tutte le informazioni all’interno del sito del Comune di Torino.

Fonte
tutte le informazioni contenute all’interno di questa guida sono reperibili nella sezione dedicata sul portale del Comune di Torino.

introduzione
primo capitolo
secondo capitolo
terzo capitolo
quarto capitolo
quinto capitolo
sesto capitolo
settimo capitolo
ottavo capitolo